Ugo Bianchi e la Storia delle religioni

M.Monaca, Ugo Bianchi e la Storia delle religioni, Aracne Editore, Roma 2012

Un tema scottante nell’attuale dibattito internazionale è quello inerente al problema del metodo da utilizzarsi nella ricerca storico–religiosa. Il presente volume intende inserirsi in tale dibattito, presentando la figura di uno storico delle religioni, Ugo Bianchi (1922–1995), esponente della “scuola italiana di Storia delle religioni” fondata da Raffaele Pettazzoni (1883–1959), già Presidente della SISR.

Autore di numerosi saggi e volumi, si occupò di metodologia della ricerca storico–religiosa e insieme delle “storie religiose” dei popoli del mondo antico, della Grecia, dell’Ellenismo, di Roma e dell’Iran, di culti misterici, di dualismo e di gnosticismo, di cristianesimo e di etnologia religiosa. Le pagine del volume presentano alcuni aspetti del pensiero dello studioso, soprattutto in relazione all’opzione metodologica da lui proposta, quella storico–comparativa. La ricerca storico–religiosa, infatti, prendendo avvio da un preliminare e necessario momento idiografico, deve aprirsi al momento comparativo, teso a “distinguere”, ovvero a cogliere lo specifico di ogni fatto religioso nella più vasta trama della storia.

Il volume presenta una completa rassegna bibliografica degli scritti dello studioso a cura di L. Bianchi.

La sezione “Ricordi” racchiude le testimonianze di alcuni “allievi”: G. Sfameni Gasparro, G. Casadio, C.Giuffrè, M.V. Cerutti, A.M. Mazzanti, P. Pachis.

La ricca “Bibliografia” raccoglie gli aggiornamenti  bibliografici sul tema metodologico offrendo una panoramica  delle problematiche oggetto dell’attuale dibattito.